I love Draco Malfoy

Ok, questo titolo è spudoratamente copiato dal nome del blog, ma pazienza.

Tutto ciò è per dire che presto (non so quando) aggiungerò anche lui all’elenco dei personaggi, il fatto è che ho troppo da dire su di lui, ci scriverei un libro intero, e quindi non ho mai voglia di mettermi lì a scrivere.

Però lo farò, prometto.

Bene, ora mi dileguo. 😛

I solemnly swear that I am up to no good.

Giuro solennemente di non avere buone intenzioni.

Sarebbe utile, avere una Mappa del Malandrino a portata di mano, che ci mostri la propria città, la propria scuola, o quel che a uno serve.

Ma noi non siamo ad Hogwarts e non abbiamo mappe magiche, dobbiamo accontentarci dei nostri occhi…

Fatto il misfatto.

(e questo post non ha affatto senso).

Scrivere

Mi è sempre piaciuto scrivere, fin da quando ero piccola. Non fare i temi dati dagli insegnanti, però, quelli non li ho mai graditi. A me piace scrivere per i fatti miei, costruirmi le storie e i personaggi, per poi lasciare tutto a metà. E’ triste; non sono mai riuscita a portare a termine un romanzo, per vari motivi. Spesso, ho in mente l’inizio e la fine, e un buco nero sulla parte centrale. O mi sembra banale, o noiosa, o troppo corta, oppure non c’è proprio. Sono una a cui piace tirar subito le conclusioni, e dover stare ad aspettare lo sviluppo della storia mi fa perdere la pazienza. Altre volte, invece, ho un’ispirazione iniziale, e poi mi passa il tempo e la voglia di continuare.

Non è un comportamento da scrittrice, infatti non ho mai detto di esserlo, ma solo che ciò che più desidero è diventarlo.